chiudi  
   
 
Titolo:
 
Regista:
 
Protagonisti:
 


mani in terra


LA NOSTRA TERRA
un film di Giulio Manfredonia


regia
GIULIO MANFREDONIA
prodotto da LIONELLO CERRI
soggetto e sceneggiatura
FABIO BONIFACCI
GIULIO MANFREDONIA
consulenza alla sceneggiatura
PEPPE RUGGIERO
fotografia MARCELLO MONTARSI
montaggio CECILIA  ZANUSO
musica MAURO PAGANI
Ed. Visionaria
Universal Music Publishing Ricordi
scenografia
STEFANO PICA
costumi ANGELA  CAPUANO
casting FRANCESCO VEDOVATI
suono MARCO GRILLO
montaggio del suono
ALESSANDRA  PERPIGNANI
segretaria di edizione GIORGIA ONOFRI aiuto regia EUGENIO RIGACCI
organizzatore generale
ANTONELLA VISCARDI
direttore di produzione
FERDINANDO COCCO
produttore esecutivo
CRISTIANA MAINARDI

una produzione LUMIÈRE & CO.
con RAI CINEMA

film riconosciuto di Interesse Culturale con il sostegno del
MINISTERO dei BENI e delle ATTIVITA' CULTURALI e del TURISMO
DIREZIONE GENERALE per il CINEMA

distribuzione VISIONARIA  e VIDEA

nazionalità ITALIANA
anno di produzione 2014
durata 100'

CAST ARTISTICO
STEFANO ACCORSI
SERGIO RUBINI

MARIA ROSARIA  RUSSO
IAIA FORTE
NICOLA RIGNANESE
MASSIMO CAGNINA
GIOVANNI CALCAGNO
GIOVANNI ESPOSITO
SILVIO LAVIANO
MICHEL LEROY

con l’amichevole partecipazione di
BEBO STORTI
e con PAOLO DE VITA

con l’amichevole partecipazione di
DEBORA CAPRIOGLIO

con la partecipazione di
TOMMASO RAGNO


logotitolo
un film di Giulio Manfredonia
LA NOSTRA TERRA  è la storia di una strana antimafia, fatta piantando pomodori. E di qualcosa che viene prima: la terra. Quella che ci ospita, ci nutre e ci seppellisce. Nicola Sansone è proprietario di un podere nel Sud Italia che viene confiscato dallo Stato e assegnato a una cooperativa, che però non riesce ‐ per celati o dichiarati boicottaggi ‐ ad avviare l'attività.
Per questo viene mandato in loro aiuto Filippo (Stefano Accorsi), un uomo che da anni fa l’antimafia lavorando in un ufficio del Nord, e quindi impreparato ad affrontare la questione “sul campo”. Numerosi sono gli ostacoli che Filippo incontra, e spesso deve resistere all’impulso di mollare tutto: lo trattengono il senso di sfida e le strane dinamiche di questa cooperativa di insolite persone cui inizia ad affezionarsi, in particolar modo Cosimo (Sergio Rubini) l’ex fattore del boss e Rossana, la bella e determinata ragazza che forse ha un passato da riscattare. In un ribaltamento di ruoli, tra sabotaggi e colpi di scena, non appena le cose iniziano ad andare quasi bene, al boss Nicola Sansone vengono concessi i domiciliari. Riuscirà l’antimafia a trionfare?
 
 
  pressbook   manifesto
   
  rassegna stampa      
 


 

 


photogallery

 

 
clip audio
     
 
         
   
   
 

 

 
clip video
   

 



 

Kinoweb.it - a cura di Viviana Ronzitti e Fabrizio Giometti - Via Domenichino 4 00184 ROMA - P.IVA 09419491007